Può capitare che, subito dopo essere uscito di casa tua, ti ritrovi di fronte a una massa informe di cespugli, una vera e propria foresta in cui quasi non riesci nemmeno a trovare il cancelletto di casa tua. Pensi sia possibile continuare con una situazione del genere, oppure ritieni che sia più corretto cercare di intervenire fin da subito per correggere la situazione? Beh, prova a pensare: come puoi fare a risolvere tutto senza un buon decespugliatore?

Il bello dei decespugliatori è che essi sono progettati in maniera tale da permettere il raggiungimento di un risultato pulito e facile senza dover arrischiarsi in manovre complicate, e inoltre senza neppur dover imparare a utilizzare uno strumento troppo complicato. Certo, è chiaro che non sarete dei maestri fin da subito con il vostro nuovo decespugliatore, così come dovrete comunque affidarne l’utilizzo a una persona capace e competente: la sicurezza, come ben sapete, viene prima di tutto!

Quali sono le sue parti costitutive?

È possibile individuare, nella specifica strutturazione di un decespugliatore, alcuni specifici componenti i quali permettono di conoscere e comprendere quale sia il funzionamento di questo attrezzo. Potrebbe infatti apparire semplice a una mera visione superficiale il movimento secondo il quale sia possibile tagliare e potare i cespugli. In realtà, il funzionamento è un poco più complesso di quanto possa apparire a un primo e veloce sguardo.

Proviamo dunque a osservare, uno per uno, questi diversi componenti, magari abbozzando per prima cosa una relativa lista, in cui osservarne il ruolo e la specifica competenza. Dunque, un decespugliatore si caratterizza per la presenza di quanto segue:

  • Un motore, il quale può essere tanto elettrico quanto termico, il quale ultimo è pensato per i lavori più complessi
  • Una asta, spesso costituita di una lega molto leggera che ne permette la maneggevolezza
  • Una o più impugnature, le quali permettono di mantenere fermo l’attrezzo durante il suo utilizzo
  • Infine, una coppia conica, ossia la parte finale dell’asta che trasmette il movimento all’attrezzo di taglio

Come vedi, se molte sono le componenti che determinano un decespugliatore e il suo funzionamento, diviene poi di conseguenza anche fondamentale conoscerne il singolo funzionamento: difatti, il valore di ciascuno determina di conseguenza anche il valore del decespugliatore inteso in senso totale. A partire da questo, infatti, è possibile correggere ciascuna delle proprie ricerche per trovare il modello migliore e più adatto ai propri bisogni e alle proprie esigenze.

I dispositivi particolari

Vi sono comunque anche altri elementi che, per quanto magari non immediatamente visibili, è necessario prendere in piena e totale considerazione: in mancanza di una valutazione approfondita di questi, infatti, la tua conoscenza del singolo modello di decespugliatore potrebbe definirsi non solo superficiale, ma anche e addirittura, ben più radicalmente, inadeguata.

Ti arrischieresti mai ad acquistare un decespugliatore senza conoscere la potenza del suo motore? Oppure, senza avere la minima idea della lunghezza dell’asta, e di quanto dunque questa possa facilitare il tuo lavoro di taglio? Beh, se la risposta a questi primi quesiti ti è chiara, allora dovresti essere altrettanto sicuro che non andresti ad acquistare un decespugliatore senza conoscere anche della presenza e della potenza di altri suoi elementi imprescindibili.

Con questo discorso sto di certo facendo cenno, per esempio, al dispositivo di avviamento del decespugliatore, o ancora al suo dispositivo di arresto del motore, con tutto ciò che ne dipende e consegue in termini di sicurezza personale durante il lavoro. La frizione, o il serbatoio, oppure ancora la protezione che esso viene in concreto a offrire e garantire: in mancanza, rischieresti di trovare un modello che non ha ciò che ti è necessario.

Il miglior decespugliatore

E allora, avrete compreso oramai quanto possa essere difficile trovare il decespugliatore perfetto per voi, ossia il modello specifico che garantisce ai tuoi bisogni e alle tue esigenze di trovare la necessaria soddisfazione. Dovresti infatti valutare a che altezza dovrai operare il taglio, e insieme controllare a quale altezza specifica voi vorreste tenere il vostro cespuglio. Da qui poi ti converrà anche approfondire la potenza che ti sarà necessaria, per valutare quanto siano spessi i rametti del decespugliatore.

  1. Al-Ko 112864 BC 410 II Comfort
  2. Kawasaki TJ-53E/I
  3. Bosch AMW 10 RT
  4. Mc Culloch TA15 Trim Mac
  5. Einhell BG-BC 25 S

Quelli che trovate elencati qui sopra sono quelli che, secondo me, sono i migliori cinque modelli di decespugliatore presenti oggi sul mercato: oltretutto, potrete vedere che ho cercato di scegliere modelli che si riprendono a ben differenti fasce di utenza e di utilità. Potrebbe infatti esservi necessario procedere alla scelta di un decespugliatore più professionale, perché necessario ai fini del vostro lavoro; oppure potreste volerlo per semplici esigenze di hobbistica, oppure ancora per tenere in ordine, senza troppo impegno, il vostro giardino.

Per quanto riguarda la scelta di un decespugliatore per il vostro lavoro, è chiaro che vi sarà necessario completare gli accessori dello stesso, e al contempo anche valutare in concreto che la potenza sia tale da soddisfare tutti i bisogni che diversi utenti potrebbero richiedervi, dato che saranno i singoli clienti a dovervi specificare quanto vi possa raggiungere e quanto vi possa per davvero soddisfare.

È meglio un decespugliatore elettrico?

La scelta tra questo o quel modello di decespugliatore può anche dipendere dal tipo di alimentazione che ne permette il funzionamento. Ci si può chiedere dunque se un motore a funzionamento elettrico possa o meno soddisfare le esigenze di un lavoratore o di un uomo in cerca di un buon attrezzo per garantire il bell’aspetto del proprio giardino e dei propri cespugli.

Da questo punto di vista, mi pare innanzitutto bene specificare che, come è ovvio, un decespugliatore elettrico avrà, per la ben maggior parte delle volte, un filo elettrico, che dovrà essere collegato a una prolunga o direttamente alla presa di corrente. Sia ben chiaro comunque che non è possibile evitare un fastidio del genere, anche perché un decespugliatore che non sia carico è ben chiaro che non possa funzionare.

Per prima cosa, dunque, io personalmente vi consiglierei di valutare se la presenza di un lungo filo elettrico possa o meno infastidirvi nella sua lavorazione: durante il lavoro, infatti, potreste avere bisogno di un buon spazio di movimento, il quale solo vi garantisce di raggiungere anche i punti più estremi, senza per questo rischiare di rovinare il lavoro. Al contempo, insieme con la maneggevolezza, vi sarà necessario pensare alla vostra sicurezza.

Il risparmio con un decespugliatore usato

Di sicuro un decespugliatore non ha un prezzo proprio irrisorio, e ciò rende necessario stare bene attento prima di decidere quanto investire in un attrezzo di questo tipo: alcuni allora, proprio per diminuire l’impatto che il suo acquisto possa determinare sul portafoglio della famiglia, decidere di buttarsi sul mercato dell’usato. Si pensa che qui infatti si possano trovare attrezzi ben funzionanti, e al contempo a un prezzo molto ridotto.

Sia ben chiaro però che acquistare un prodotto usato può anche essere rischioso, addirittura molto se in concreto si dovesse pure decidere di acquistarlo online o per corrispondenza. Insomma, diviene in pieno necessario osservare il concreto oggetto prima di acquistarlo, e questo vale ancora di più quando si abbia a che fare con un decespugliatore. Non si può rischiare infatti di acquistare un modello non funzionante, magari pure poco sicuro.

Da questo punto di vista, dunque, e prima di tutto, sia ben chiaro che devi avere sempre il modo di valutare e osservare il decespugliatore che intendi acquistare sempre e comunque prima di effettuare il pagamento; solo in questo modo infatti vi sarà possibile assicurarvi che quanto state per comprare potrà in effetti soddisfare quei bisogni per i quali vi siete indirizzati verso la ricerca, e poi verso la scelta, di quel modello specifico.

Dove trovare prezzi e offerte?

Proprio per gli stessi motivi che abbiamo già avuto modo di esporre nei paragrafi che avete già letto qui sopra, è possibile che la vostra curiosità si stia indirizzando verso la questione dei prezzi medi e delle possibili offerte o promozioni disponibili in giro, nei negozi fisici o anche invece sulla rete, per questo o quel modello di decespugliatore. Io qui cercherò di darvi qualche consiglio; vediamo se riusciamo a trovare qualcosa per voi.

Per quanto riguarda i prezzi medi, per prima cosa, bisogna considerare in via stretta che i prezzi non sono di certo bassi: una prima ipotesi cui potrete far ricorso per comprendere le fasce di prezzo che bisogna per forza considerare è la tabella che trovate in apertura della pagina. In tale tabella infatti, e in relazione specifica ai modelli da me prescelti, potrete rilevare i range di prezzo che vi dovrete attendere di incontrare.

Per quanto riguarda invece il diverso lato e aspetto delle promozioni, posso dirvi, e non è poi un segreto, che la rete è piena zeppa di promozioni e sconti, che vi permetterebbero di risparmio (e molto!) sui decespugliatori che aveste deciso di acquistare. Procedere in tal senso significa dunque poter comprare, a un prezzo scontato, il vostro modello preferito: ma non solo! Da tale risparmio potreste anche derivare qualche altro vantaggio, quale per esempio la possibilità di acquistare qualche buon accessorio per il vostro attrezzo.

Le mie conclusioni finali…

Ma allora, dunque, cosa dovremmo derivare da tutto quanto noi abbiamo fino ad ora osservato? Beh, questo è semplice: non vi sarà sufficiente valutare alcuni punti generali, né vi potrà valere il controllo su quanto si muove qua e là intorno al mondo dei decespugliatori. Ciò che secondo me è giusto che verifichiate sta anche nella valutazione concreta di alcuni aspetti specifici, che insieme abbiamo cercato e ancora cercheremo di valutare.

Questo sia dal punto di vista del funzionamento del singolo decespugliatore, sia in relazione alla generalità invece di tali attrezzi e strumenti: questo però non basta né è sufficiente! Insieme a questi approfondimenti, ci preoccuperemo anche e in più di valutare il ruolo e la qualità delle singole marche e dei singoli produttori, i quali potranno consentire una valutazione completa e corretta della situazione del mercato. In questo io stesso cercherò di guidare la vostra analisi con qualche consiglio.

Infine, io stesso ho deciso di offrirvi alcune recensioni di quelli che, secondo me, sono i cinque migliori modelli di decespugliatori presenti a oggi sul mercato, e che sono poi i medesimi modelli che avete visto elencati e trattati in prima battuta nella tabella presente in apertura di questa pagina. Una attenzione specifica vi aiuterà a scegliere: proseguite allora nella lettura, e vedrete che forse troverete voi stessi tutto quanto avete sempre sognato di scoprire!

Articoli utili: